” Mémoires of an Italian stallion ”

A short review by John Fleming

“Mémoires of an Italian Stallion”

 
”PERFORMANCE TIME(S) AND DATE(S)”

cryposter

, A ‘nearly’ comedy piece of my memories as professional ”player”I will tell the true 🙂 blog: “Mémoirs of an Italian Stalliontake 1  🙂

wix.com/joepalermonoir/uk  http://www.imdb.com/name/nm5548656/?ref_=ttfc_fc_cr3  https://italolondoners.wordpress.com/2015/04/17/uno-di-noi-racconta-la-sua-storia-di-oltre-15-anni-fuori-dallitalia/   www.palermonoir.fr 

“Mémoires of an Italian Stallion” 

Questo slideshow richiede JavaScript.

a short review from John Fleming :

In the meantime, people are preparing potential Edinburgh Fringe shows for next year.
One of the most interesting could be Joe Palermo’s
”Mémoires of an Italian Stallion.”
I saw an initial try-out tonight which took around 70 minutes and did not get even halfway through the story, which involves his somewhat colorful life.
From what I heard tonight and during a post-show chat at the Grouchy Club, I reckon his story might take about four hours or longer to tell – if heavily edited.
It will be interesting to see how this fits into a 55-minute Edinburgh Fringe slot. The briefest of headings would include:
him as a child in Italy (watching porn on TV in the back garden)
attempts to be a Roman teenage gigolo
crime and the drug trade
athletics
modelling and becoming a male stripper

Questo slideshow richiede JavaScript.

porn movie experiences

encounters with ‘proper’ movie people including stories of Cinecittà, famous actors and spaghetti western people
Joe says: “The show at this stage is mainly for a male audience, however open minded women or girls are welcome.”

“I told him I thought Edinburgh audiences might crucify him atop Arthur’s Seat for sexism.”

But, if his Mémoires of an Italian Stallion show does make the Edinburgh Fringe in 2016, it will surely be an interesting ride.

contact : habana.trentange@gmail.com 

 

 an interview with Joe Palermo 

IMAGES PERDUES

Project creation for Images Perdues by Joe Palermo Noir

My wish: To capture the internal movement of the human body, to let rise the primal instinct

Biography of S.R., aka Joe Palermo Noir

A project doomed to failure.

All these moments will be lost,

Like tears are in the rain.

The android to Harrison Ford, Bladerunner 

Since 1994, I have built the scenery, still under the provisional title Imagini perdute, right and left (more of them to the left) in Italy, but was always rejected and deemed too futuristic, and the project never completed. My passion for photography had already begun at this time, when I was taking pictures as an amateur photographer. Images perdues was to consolidate my love of photography and profession as a theatre director.

In 1994, I was a strip dancer and porno actor, as well directing assistant under the pseudonym Mr. Habana, at the same time as I was pursuing a career in comedy under my real name, to which, however, my notoriety in the XXX industry soon became an obstacle. In 1995, the crisis in Italy came in the way of my lucrative job in strip tease, as the audience numbers sank. I then started the fashion magazine Imaging with my partner Paolo Cochi, destined for loss under the first mandate of Berlusconi. It was impossible to find advertising agents willing to invest in Imaging and we withdrew the issue in 1997. In the meantime, we established a production company, successively named “Imaging”, “Photo Press” and “Fashion Show” in order to avoid taxes, which specialised in videoclips and short duration publicity spots. At the end of 1998, competition by large advertising firms put our firm out of business.

At this time, I decided to move to England, where the economy was on the rise. However,    I did not manage to find stable employment and liquidated my finds within a year of studying English. I became homeless for two weeks and lost the original hard copy of the Images Perdues scenario… “Textes Perdus”, then. Once I was housed, I began working as security guard, bouncer and occasional bodyguard. I attempted to find a job as an assistant director but it turned out to be a joke, as it was usual to employ students on an unpaid basis.

In 2004, I took a photography course at King’s College in Battersea and my professor encouraged me to submit to the competition “Wandsworth in View”, where I was selected for the travelling exhibition on the Wandsworth locality. David Bailey was on the jury committee, and this success was to be my bouncing board. I then participated in numerous exhibitions in London and on the continent, including France (Correntin Celton).

Joe and the Theatre

I was on a show inspired from Woody Allen’s Mister Big at the Teatro dei Satiri Roma (1997) in Italy in which I starred as Chicago Phil, bodyguard and production assistant. I was executive producer and casting director for Oscar Wilde’s Chanterville Ghost (2005) for the Red Cross Southgate, where I shot with comedians.

Joe and Television

Joe was the lead character and executive producer of the televised series La Luna di Roma (2007, Sky/ Roma Uno).

All moments will be lost like tears in the rain.

Images Perdues

directed by Joe Palermo

The film did not benefit from any form of institutionalised finance. Was this in order to guarantee the authenticity of your story?

Yes I paid for the film entirely out of my own pocket. There were no constraints related to production related to investors. You know when it’s a bit like a company that’s public; the shareholders want to call the shots. I wanted to be free to choose and to shoot it while the inspiration was still fresh. Tarantino, one of my influences, says, after all:

“If you want to make a movie, make it. Don’t wait for a grant, don’t wait for the perfect circumstances, just make it.” [NDLR: Giving advice to young aspiring filmmakers at the 1994 Independent Spirit Awards].

You live between France and London. Was the crew from both countries?

Yes and No it was a bit of Italians ,French and English

Naturally it wasn’t an easy task half of the people where out of the film industry so that was the first and probably only film work they did.so a lot of the time was waste in explain basic stuff….

The film was set in Paris but shot in England, was this a logistical choice or an artistic one? Well was more a logistic than artistic I would loved to shot the film in France but at the time I was in London and I had an assistant more organized in UK even if she was Italian…..

It seems to be so commonplace nowadays, Joan & Hancock springs to mind? I’m just try to get an inspiration for whatever the reason and work with it naturally a location give some different point of views but that is related to you own experiences in life and work.

You’re Italian but you shoot in France, England and your home country. How do you experience the relationship between the producer and the director in these countries?

I was brought up in the center of Rome my grandfather from my dad side was a singer and from my mum side was a cop so I always had the two face of life, since I was a teen I was interested in art’s and of course people to understood the psychology of humans

I always try to understand people than the different culture of a person come when you start to “rolling” the Italians are more creative but the one good these days never come up the spot the French have a very good cultural educations sometime I think the born with it, the brit’s are very practical but sometime they losing them self in too much technicality

My love for cinema destroy part of my life is not easy to be considered by others especially in Italy when you said you want to be a film director’s, I used to be in art exhibitions and films premier but strange enough I met the most famous Italians artist and film directors in a well known street in Rome Via del Babuino which is a “step” from Piazza di Spagna in the centre of Rome well in an old cafe called “Notegen” was a place where all the historical artist as Fellini, Leone, Magni, Schifano, and so on the list will be too long went for a cot life or a quick meal so with no much confidence I start to talk to them but with not particular consideration by the years a word followed by another and a little be of confidence with them was stated, I never had the luck to work with one of them but truly the suggestion they give me was try to do what you want do not care about what people said but also Italy wasn’t the best place to start my ambition’s even tought I managed to do some works in Italy the respect in my own country start when I was work abroad, but I have to said what i learned from them it what I know about cinema there where no better teacher than them….even if sometime the said now go and find a job become a film director is a dream but it maybe not possible to realized….

https://memoiresofanitalianstallion.wordpress.com/      wix.com/joepalermonoir/uk www.palermonoir.fr 

segue da un intervista..……come sei entrato in contatto con il mondo? Come hai deciso di fare il il visuals artist? Una vocazione?

Non saprei posso solo collegarmi al fatto che il mio nonno paterno era un cantante tra il 40 e fine anni 50.

Poi il resto lo fatto tutto da solo i miei genitori non mi hanno mai seguito e il fatto di essere un artista Romano in Italia non aiuta di certo anzi ho trovato molto invidia e razzismo verso i ROMANI DE ROMA da parte di altri italiani(e gente che si spaccia per romano di fatto sono come gli albanesi e romeni che dicono di essere italiani) e pur vero che un romano VERO NE SA TANTE mentre gli altri semplicemente NO (se volete rosicate pure tanto nu magno ner piatto vostro)!

In breve comincia una carriera da pseudo modello in tarda adolescenza da li incominciai ad incuriosirmi  del “dietro la macchina da ripresa” da li in poi tra vicissitudini di una vita non sregolata ma in contatto con persone invidiose, meschine e cattive conoscenze e un snobismo Borghese il quale mi ha creato non pochi problemi , La superficialità della gente e’ veramente un male.ancora oggi incontro persone nel settore che parlano male di me alle mie spalle solo perché ho opinioni diverse da loro e io non ho la presunzione di voler piacer tutti !

Ma sono riuscito a crearmi un angolo artistico tutto mio,cominciai come assistente alla regia in low budget short film di li in poi ebbi delle esperienze un po diversificate,lavorai come aiuto alla regia di ”Ferdinando Palazo” in set porno dov’e strano per molti ho imparato moltissimo!! da come posizionare un macchina da ripresa e mettere le luci e perché no preparare un set credibile,  era prima dell’era digitale ed ero appena 20enne bisognava saper utilizzar la telecamera bene  e le luci ancora meglio e fare in fretta altrimenti le “performance” degli attori andavano a “rotoli”

Amavo anche molto la radio e collaborai con tir-radio pull nell 94 con Antonio Russo su un programma redatto da me “cinema e non solo” dove si parlava della storia del cinema degli anni 50-70; purtroppo Come detto ero a Roma (Italia) e lavorare o trovare lavoro special modo pagato era un incubo facevo di tutto lavoravo nei mercati rionali e facevo anche il facchino e di tanto in tanto anche gli spogliarelli,Ebbi un discreto successo a meta degli anni 90 con interviste come spogliarellista sul settimanale EPOCA(giornalista :Raul Passeretti) e su radio Rai nel programma “Roma chiama 3131”(se non ricordo male) con la reporter “Donatella RAFFAI”,e ovvio che molti non riuscivano a capire perché facessi cose così Diverse,lo ribadisco in Italia essere pagato e un problema serio ma essendo tutti ragazzi della medio borghesia o gente senza pretese dall’altra parte non capivano e forse ora che hanno finito i soldi di familiari o amici vari cominciano capire… va beh entrerò in polemica con il 90% delle persone………..

-Cioé??

Il fatto e che quando dici che vuoi far cose determinatamente diverse dal banchiere o l’impiegato Postale sei visto come un “idiota(ancora oggi la gente fa un lavoro per vivere o fregare il prossimo) e quindi pur di poter fare quello che ho sempre voluto fare Ho sempre cercato di guadagnare (lavorando e adattandomi mantenendo un codice d’onore)per avere tempo libero e fare quello che mi piaceva.

-La prima esperienza professionale?

Well più che la prima esperienza ho avuto molte introduzioni e qui forse le cose che amo ricordare,Frequentavo molto via del babbuino a Roma che e la parallela di via margutta(nota strada di artisti romani),Propio li ebbi la fortuna di incontrare personaggi storici dell’arte contmporanea hai quali non davo forse una grande importanza a quel tempo ma oggi come oggi si,il fatto di dialogare anche solo per pochi minuti con persone di un certo spessore artistico secondo me aiuta più che andare a scuola ,perché nessuno ti può insegnare niente ma ti possono indirizzare per “via giusta”

Poi rimane a noi scegliere……certo non e una cosa facile……lo dicevano anche loro…non c’e scuola Che tenga per l’arte……anche se io ormai da un certo mondo propio per quello sono tagliato fuori !..visto che oggi come oggi puoi accedere a certe ”mense” solo se hai la laurea e in moltissimi casi e gente che la presa tanto per…..infatti di artistico non hanno niente ne di lavori ne di fatto!

-Ce ne vorresti citare qualcuna di queste ”persone conosciute”?

Premessa : incotravo a alcuni bar di via del babbuino e per cui quei discorsi amichevoli che si fanno tra un ragazzo e una persona adulta(io gli adulti li ascoltavo non come i babyminkia di adesso che guardano solo i videogame e uprn) non certo amici io non ho mai chiesto niente a “loro” avevo un amico che aveva una galleria propio di fronte allo studio di Fellini persona” timida e schiva” ma ovviamente visto che ogni volta che qualcuno lo riconosceva lo assillava…ma se non facevi questo lui ti salutava e piano piano ti cominciava anche a parlarti così conobbi Sergio Leone ecc. di fatto anche Mario Bolognini e Luigi Magni ma loro scusate dirlo erano un po snob con noi della plebe… Quella stradina era piena anche di vecchi caratteristi del cinema dell’arte e come sapete non c’erano i telefonini per cui molto spesso aspettavano li in quei bar e cafe le telefonate per ruoli o lavoro,così incontrai pittori come Mario Schifano,Roberto Loyola e Tano Festa(https://it.wikipedia.org/wiki/Tano_Festa) ,quest’ultimo forse ero un po legato un pittore pop sicuramente di talento che ebbe il suo momento di fama e soldi, ma finii per morire di fame negli anni 80, più o meno un quarto di secolo fam.Ancora o fissa l’immaggine di lui che camminava scalzo con i vestiti a brandelli con dei pezzi di cartone in mano dove lui disegnava ….era come diciamo noi a roma “pelle ed ossa”,lui sorrideva un sorriso lucente che quasi illuminava…o forse era solo un ghigno per nascondere la fame e la stanchezza…..https://www.youtube.com/watch?v=HJHJdngOZ_0

-E‘ forse questo il motivo principale che ti ha spinto all’estero?

Sicuramente si, imparai subito che l’Italia ad uno come me non avrebbe mai riconosciuto niente ( e non avendo studiato ‘meno male’)ma non potevo andarmene subito avevo dei problemi familiari seri e non me la sentivo di lasciare i miei familiari soli,furono anni di grosse sofferenze a cui cercai di “ossigenarmi” lavorando con la produzione di un amico(così pensavo) in progetti vari,ma lo stress non mi permetteva di avere lucidità e il tempo era poco,lavorai anche in alcuni film come caratterista “Teste Rasate” di Fragasso e”Se non avessi L’amore”di Castellani più del cabaret al vecchio ”VELENO CLUB di VIA VENETO” e un spettacolo teatrale al Teatro dei Satiri di Roma   ”Mr.Big”Scritto da Woody Allen; ma non c’era niente da fare in Italia sia per un motivo o per l’altro era impossibile per cui a 28 anni decisi di andarmene senza voltarmi indietro.

Facciamo il punto?

Well il punto di partenza fu Londra,ovviamente i primi anni sono stati bruttissimi fui trattato peggio di un clandestino,lavoravo saltuariamente e anche mal pagato e purtroppo legarmi agli italiani sperando nella solidarietà fu un errore che sconsiglio a tutti di non fare(forse gli italiani che ho incontrato io personalmente a Londra sono stai i peggiori).

Tra un lavoro e l’altro nel settore security poi fui pestato a sangue durante una rissa in un locale dove lavoravo come security nel cercare di sedare la rissa mi trovai un gruoppo di persone che mi pestarono per ‘bene’ quindi la ricerca di giustizia l’impossobilita di lavorare perche mi trovai senza soldi dopo due anni che ero a Londra e tanto meno avevo intenzione di chiedere i soldi a i miei genitori ,molti sorrideranno ma non avevo intenzione di chiedere Ne benefit ne sussudi,finii in strada per un po…..ne uscii in una maniera un po grottesca e anche violenta,mentre cercavo di rilassarmi al freddo tra New Oxford circus e Tottenham C.R ascoltai la convesazione di due che erano piuttosto preocupati,a quanto pare avevano soldi con loro e qualcuno li seguiva e nn potevano farsi trovare con i soldi……well che ci crediate o no che lo pubblicate e o no..io quei due li pistai a sangue erano due spacciatori di droghe leggere o pesante non lo ,so riuscì a portargli via 500 sterline……..e da li ricomincia…..

Piano piano cominciai a lavorare ma con paghe da fame….non potevo certo permettemi una macchina fotografica e tanto meno fare un film……pensare che prima di quei incidenti mi ero diplomato al city of Westminster College in video and tv production …..comunque passano Gli anni racimolo un po di soldi mi compro una had-camcorder e faccio un documentario di 16 minuti su noi italiani e perché emigriamo; niente di eccezionale ma descrive in breve il perché da li alcune interviste. 

IL VOLO https://www.youtube.com/watch?v=jf1HNvcQEo4

http://www.messaggerosantantonio.it/messaggero_emi/pagina_articolo.asp?IDX=568IDRX=101

poi mi comprai una decente macchia fotografica e fui selezionato pr il south west di londra per una rassegna fotografia in UK chiamata Wansworth in View 2004……

(2) “Tra Roma, Parigi e Londra, ho scelto il Regno Unito” by JULI PISCEDDA http://ilnuovo.me/2014/07/01/quilondra-tra-roma-parigi-e-londra-ho-scelto-il-regno-unito/

lavorai poicome attore e assistente di produzione tra il 2006 in una fiction a Roma per sky Italia http://www.lalunadiroma.it

http://www.castingcallpro.com/uk/actor/profile/joe-palermo-1

e un programma per living tv in UK THE HEADLINERS dove lavoavo come fotografo di scena e asistente di produzione

http://www.uk.castingcallpro.com/view.php?uid=229965

poi le mostre fotografiche aRoma (Palazzo Margutta) Parigi (correntin-Celton) Londra(Why art) ecc. http://mobile.exibart.com/autore.asp?id=23519

Joe Palermo exhibition in Rome, Via Margutta

https://www.youtube.com/watch?v=rZlP0L4Je7U&t=45s

e non ultima la mia partecipazine nel documentario per il national geographic

Sex and the Neanderthals:

http://www.hybridfx.com/pages/company.htm

Sei stato in molte parti del mondo: hai una preferenza? Ci racconti qualche esperienza?

Well amo Roma artsticamente parlano si intende ,Barcellona lo nel Cuore ma adoro Parigi vorrei trasferirmi li forse per un artista e la citta ideale…….ho visto che per quanto sia psempre difficile C’e uno stato che riconosce l’artista come ne anche qui in Inghilterra…..ovvio devo imparami la lingua francese…….

Dove vivi ?

Vivo ancora a Londra e di tanto in tanto vado a Parigi dove ho alcuni amici e cerco di trovare contatti per lavoro ma non sono stato ancora fortunato fino adesso ma sto cercando di organizzare delle mostre www.palermonoir.fr e il mio sito per la Francia.ove ho diretto un play in francese non parlando la lingua francese propio per dimostrare la mia versatile’ il video  qui e ovvio che dovete guardarlo per capire il contenuto https://vimeo.com/15486150 non si tratta di un lavoro video ma teatrale quindi va visto come tale! 

Che cosa significa essere artista oggi?

Per me e importante non essere “Rinchiuso” nella demagogia (soprattutto accademica e di pseudo critici d’arte la storia insegna che loro non la fanno)come artista visual io interpreto per  il mio modo di essere tutto dalla recitazione alla fotografia all’immagine digitale ,poter creare e per me importantissimo troppo spesso mi si dice a tu sei un fotografo e la superficialità delle persone ,Dovrebbero evitare di etichettarti senza superficialità…..e considerare che forse oggi come oggi un artista affermato riesce anche a guadagnare ma non e sempre qualcosa di semplice da esprimere agli altri visto che ognuno di noi a un punto di vista differente nel vedere le cose dovuto dalle proprie esperienze e modo di essere.

C’è qualche personaggio che ti ha ispirato di più?

Cinema Sergio Leone sicuramente anche se lui come persona era uno molto pratico era sicuramente diverso da Fellini…..

Fotografia Frank Capa, David Bailey anche se ho uno stile tutto mio….palermonoir.fr,Pittura Picasso e Tano Festa anche se non dipingo (se non raramente) i loro lavori mi danno degli spunti….Recitazione:una bella lotta amo Pacino,De Niro,ma Jack Nicholson e sicuramente il mio favorito!

E la tua passione?

Well nel tempo libero non e ho molto l’esperienza mi ha insegnato di di creare lavorare ma amche di stare con i piedi ben saldati a terra continuo a lavorare come security in club e close protection il che mi permette di staccare quando voglio ma vorrei ricordare che in più 20 anni che lavoro nel ramo non e così facile come si pensi ………per portare avanti i miei progetti…..

Che cosa avrebbe fatto, e cosa sarebbe diventato se non fosse chi é oggi?

Ma domanda delle 100 pistole direbbe Paternuosto,da bambino volevo fare

Il cantante ma non avevo di certo una bella voce mi tolsero anche dal coro della chiesa!!!

anche se con un un gruppo di scozzesi abbiamo fatto un brano Running Through The City 

primo in classifica in una indie chart che si chiamava wiple.it ovvio ho diretto il video clip che non ostante le critiche e stato selezionato in sezione ufficiale in oltre 20 video festival sul globo http://www.radiostar.it/palermo/

Per cui e sempre stata una vita “infame”!!!!!

Potete sapere di più Su di me: http://www.lulu.com/spotlight/Palermo

http://www.dailymotion.com/joepalermo

Myspace.com/jopalermo

Palermonoir.fr

Youtube.com/joepalermo

wix.com/joepalermonoir/uk

12108723_762588300517888_4844098972367812850_n

tumblr_nxrfz6D28m1uujqcyo1_250

http://www.dailymotion.com/joepalermo

2a)gay pride[2]3a)commerc4a)gallianiobass2bass3bass2joepalermoCOLORPWPFcoolturaextravIMAGINGIMG_0533joe1mamaBCmain

https://memoiresofanitalianstallion.wordpress.com/      wix.com/joepalermonoir/uk www.palermonoir.fr

m’annate a fanculo 😛 

Annunci

4 comments

  1. joe palermo noir · marzo 17, 2016

    here we go again’anakapitonaka?’ at the 2016.sehsuechte.de festival 2016 youtube.com/watch?v=UFkBuC6_n5M
    facebook.com/Stefanem.Borgata

    Mi piace

  2. Pingback: “Mémoires of an Italian Stallion” – memoiresofanitalianstallion
  3. Pingback: NOBODY has anything remotely as cool as Joe’s. – memoires of an italian stallion

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...